Dall’idea di mondo all’idea di organismo: lo schematismo dell’uso regolativo della ragione

Serena Feloj

Resumen


Nella Dialettica trascendentale Kant annuncia una deduzione delle idee della ragione, necessaria se le idee devono avere una validità oggettiva, seppur indeterminata. Questa deduzione dovrà costituire una sorta di schematismo trascendentale e, tuttavia, viene soltanto annunciata e programmata, ma rimane in forma di abbozzo. I paragrafi 61-68 della Critica della capacità di giudizio sembrano costituire un completamento del programma di uno schematismo dell’uso regolativo della ragione. La tesi che sostengo è che effettivamente è possibile accostare le due definizioni di idea regolativa, nella prima e nella terza Critica, restituendone la continuità, ma è anche da tener presente la significativa evoluzione del pensiero kantiano che genera uno spostamento dall’idea di mondo all’idea di organismo. Sulla base di questa convinzione, sosterrò che l’idea di organismo sta a fondamento dell’uso costitutivo del giudizio sulla natura e permette un’applicazione del principio di causalità alle scienze naturali. Non è però l’idea regolativa a dover essere subordinata al giudizio costitutivo, ma è piuttosto l’uso ideale della nozione di natura a precedere logicamente la sintesi categoriale.


Palabras clave


mondo; organismo; regolativo; schematismo; idea

Texto completo:

PDF


DOI: https://doi.org/10.5281/zenodo.1299546

Enlaces refback

  • No hay ningún enlace refback.
Utilizamos cookies propias y de terceros para realizar análisis de uso y de medición de nuestra web para mejorar nuestros servicios. Si continua navegando, consideramos que acepta su uso.


Creative Commons by-nc 3.0 Logo

ISSN: 2386-7655

URL: http://con-textoskantianos.net

DOAJ LogoErih Plus LogoCitefactor logoredib Logo
LatIndex LogoISOC Logo MIAR Logo
SHERPA/RoMEO Logo
MLA LogoZenodo Logo
ESCI LogoEBSCO LOGOWeb of Sciencescopus logo